Lavoro a progetto

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente tante assicurazioni e trovare la meno cara!

 

Il Lavoro a progetto è stato creato appositamente per limitare l’uso delle Collaborazioni Coordinate e Continuative (co.co.co.) dove, nella maggiorparte dei casi, si nascondono dei veri e propri rapporti di lavoro dipendenti.

 

Il collaboratore a progetto è di fatto un lavoratore autonomo, che dovrà gestire il suo incarico senza sottostare al potere direttivo e disciplinare del datore di lavoro. Nonostante questo, il collaboratore deve recarsi all’interno dell’Azienda per svolgere il suo incarico, oltre a coordinare le tempistiche lavorative assieme al committente.


FORMA DEL CONTRATTO

 

Il contratto di lavoro a progetto deve essere redatto in forma scritta e deve contenere le seguenti informazioni:

 

  • Durata del progetto;
  • Programma di lavoro del progetto;
  • Retribuzione, tempistiche e modalità di pagamento ed eventuali rimborsi;
  • Coordinamento con il committente;
  • Tutela su salute e sicurezza sul posto di lavoro.

 

PROGETTO E PROGRAMMA DI LAVORO

 

Il Contratto a progetto prevede il raggiungimento di un risultato finale mentre, per quanto riguarda il Programma di lavoro, è possibile completare l’incarico anche in modo parziale all’interno del ciclo produttivo.

 

DURATA E CESSAZIONE DEL CONTRATTO A PROGETTO

 

Non è prevista una durata massima nel lavoro a progetto, che quindi sarà determinata in base alle caratteristiche del progetto stesso ed alle intenzioni del datore di lavoro. La validità del contratto a progetto termina con il raggiungimento del risultato finale, anche se la legge non vieta la stipulazione di più contratti in successione.

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente tante assicurazioni e trovare la meno cara!

Comments

comments

Powered by Facebook Comments