Celentano vuole salvare Berlusconi dall’ineleggibiltà

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente tante assicurazioni e trovare la meno cara!

 

In una lettera su “Repubblica”, Adriano Celentano ha bollato come “una stronzata” l’appello di MicroMega per l’ineleggibilità di Berlusconi: il principio della legge uguale per tutti, dice il cantante, non si dovrebbe applicare a chi ottenga 10 milioni di voti. Una tesi insostenibile.

Ecco la replica di Paolo Flores d’Arcais, da Repubblica, 29 marzo 2013

Stimato Adriano Celentano, nella lettera di ieri a “Repubblica”, lei giudica il mio appello per l’ineleggibilità di Berlusconi una STRONZATA (tutto in maiuscole). Citando solo me, lei vuole evidentemente adularmi, poiché ho avuto l’onore di condividere quell’appello con Vittorio Cimiotta, Andrea Camilleri, Dario Fo, Margherita Hack, Franca Rame e Barbara Spinelli. E con 243.848 cittadini che lo hanno firmato on line sul sito www.micromega. net. Lei aggiunge che quell’appello è “una cazzata (questa volta in minuscole) non soltanto fuori luogo ma decisamente ‘fuori TEMPO musicale’”. Infatti aggiunge: “Se Berlusconi, che tutti davano per finito, compreso me, non avesse preso quei 10 milioni di voti e fosse crollato, mi domando se a Flores d’Arcais gli sarebbe venuta lo stesso la fulminante idea da ‘meschina campagna elettorale’”.

A parte quel “gli” di troppo (nel suo linguaggio dovrei definirlo una “cazzata” grammaticale? Preferisco considerarlo una svista da hybris polemica), è evidente che lei l’appello non lo ha letto, visto che alla terza riga si ricorda come il primo ricorso sull’ineleggibilità di Berlusconi sia stato presentato nel 1994 (quando l’alleanza berlusconiana ottenne quasi il doppio dei voti di oggi), e reiterato nel 1996 (quando fu sconfitta dall’Ulivo). Allora ero l’ultima ruota del carro, firmai infatti in compagnia di Antonio Giolitti, Alessandro Galante Garrone, Paolo Sylos Labini, Vito Laterza, Aldo Visalberghi, tutti notori frequentatori di quello che lei aulicamente definisce il “viale delle ‘STRONZATE”.


Ho sostenuto l’ineleggibilità di Berlusconi quando era in maggioranza e quando era in minoranza, quando era forte e quando sembrava debole, lungo tutti questi anni bui di regime e di inciucio. E mi sarei comportato nello stesso modo, ovviamente, anche se Berlusconi fosse stato rieletto per il rotto della cuffia e con un pugno di voti. Lei ritiene invece che “con un Berlusconi finito sarebbe stato giusto, poiché si invocava una legge che da quel momento in poi era per tutti e non solo per sbarazzarsi del vincitore. Ma adesso no d’Arcais. Adesso è solo una scorrettezza elettorale”. Io invece non credo che sia moralmente e politicamente accettabile che l’applicazione di una legge venga invocata a tassametro, secondo l’opportunità politica e i rapporti di forza (e trascuro il fatto che chiedere l’ineleggibilità solo se un politico è “finito” suona un po’ alla Maramaldo, cosa che certo non era nelle sue intenzioni).

La legge 361 del 1957 andava applicata nel 1994, e nel 1996 e ad ogni inizio di legislatura, e se è stata aggirata più volte dall’inciucio di Berlusconi e D’Alema, con interpretazioni che avrebbero stupito perfino Azzeccagarbugli, non è una buona ragione per calpestarla una volta di più. Sono stato perciò felice, come cittadino democratico, di constatare come il M5S abbia deciso di chiedere alla prossima “Giunta delle elezioni” del Senato che la legge sia finalmente applicata e Berlusconi dichiarato ineleggibile, e che la stessa cosa abbia dichiarato il senatore Luigi Zanda, successivamente eletto capogruppo del Pd. Forse è la volta buona perché la legge sia “eguale per tutti”. Lei invece ritiene che in nome di “quell’Amore universale di cui parla il Papa” tale principio non si debba applicare a chi ottenga 10 milioni di voti. Insomma, è la forza che fa il diritto. Prosit.

Ecco l’appello di Micromega.

FIRMA ANCHE TU PER CACCIARE BERLUSCONI DAL PARLAMENTO (facendo applicare la legge 361 del 1957)
Una legge sul conflitto di interessi, che rende Berlusconi ineleggibile, esiste già. Vittorio Cimiotta, Andrea Camilleri, Paolo Flores d’Arcais, Dario Fo, Margherita Hack, Franca Rame, Barbara Spinelli chiedono al nuovo Parlamento che venga finalmente applicata, e Berlusconi non avrà più nessuna immunità di impunità.

Ecco dove si può firmare.


Iscriviti alla pagina delle offerte di lavoro e suggerisci ai tuoi amici!

Sai quanto puoi risparmiare sulla tua assicurazione auto? Oggi puoi in 1 minuto confrontare rapidamente tante assicurazioni e trovare la meno cara!

Comments

comments

Powered by Facebook Comments